DURANTE LA SETTIMANA PIÙ CONVENIENTE !!!! Prenotate tra domenica e venerdì e beneficiate di uno sconto fino al 20%. - utilizzare il codice: Zima24

Prenota online

Percorso turistico sotterraneo in Kłodzko

Il percorso turistico sotterraneo dello Stato polacco, di cui ricorre il millesimo anniversario, è stato tracciato nei meandri della metropolitana di Kłodzko negli anni Sessanta. Il percorso, lungo 600 metri e che va da ul. Czeska a ul. Zawiszy Czarnego, è un’attrazione estremamente interessante e popolare di Kłodzko.

 

L’intera storia dei cunicoli risale al Medioevo, quando a Kłodzko si incrociavano le più importanti vie commerciali. A quel tempo, le strette case popolari ospitavano appartamenti e laboratori di mercanti e artigiani. Purtroppo non c’era molto spazio e, inoltre, gli abitanti erano alle prese con frequenti incendi. Per questi motivi si cominciarono a costruire grandi cantine sotto le case, agevolate da una fondazione adeguatamente morbida.

 

Nelle cantine venivano spesso conservati gli alimenti e la birra. I passaggi sotterranei venivano utilizzati anche per trasportare le merci direttamente al mercato. Inoltre, essi svolsero un ruolo importante durante le numerose guerre nella regione di Kłodzko, in quanto permisero agli abitanti di trovarvi riparo sia per se stessi che per i loro preziosi beni.

 

All’inizio degli anni Cinquanta, i muri delle case a schiera cominciarono a crollare, rendendo necessario l’abbandono di molti appartamenti. Furono quindi effettuati scavi specializzati per salvare il centro storico di Kłodzko. L’acqua depositata negli scantinati è stata rimossa e la maggior parte dei corridoi è stata riempita. Di conseguenza, è stato possibile preservare gli edifici di Kłodzko. Tuttavia, per non cancellare completamente le tracce della storia, un frammento dei corridoi fu lasciato aperto al pubblico. Nel 1976 è stato ufficialmente aperto.

 

Cosa possiamo trovare nei sotterranei di Kłodzko? Incontreremo qui i personaggi creati di un panettiere, di una lavandaia o di un boia, vedremo l’ufficio di un mercante, una locanda o la bottega di un boia, e tutto questo al suono della musica borghese o di un mercato vivace.